Rapporto ISTAT sul benessere equo e sostenibile

143
Speranza di vita alla nascita per sesso nei paesi Ue28
Speranza di vita alla nascita per sesso nei paesi Ue28

L’Istat ha recentemente presentato la sesta edizione del Rapporto sul Benessere equo e sostenibile.

L’attenzione alle misure del benessere accomuna l’Italia ad altri paesi europei che hanno investito in sistemi di monitoraggio statistico della qualità della vita che possano essere di complemento a quelli focalizzati sulla crescita economica.

Il Rapporto offre una lettura del benessere nelle sue diverse dimensioni, ponendo particolare attenzione agli aspetti territoriali. Gli indicatori del Bes, in tutto 130, sono articolati come di consueto in 12 domini: salute; istruzione e formazione; lavoro e conciliazione dei tempi di vita; benessere economico; relazioni sociali; politica e istituzioni; sicurezza; benessere soggettivo; paesaggio e patrimonio culturale; ambiente; innovazione, ricerca e creatività; qualità dei servizi.

Di seguito proponiamo una sintesi di alcuni dati attinenti all'ambito salute della popolazione italiana.

Stabile il livello di salute della popolazione

Nel 2017 la speranza di vita alla nascita rimane sostanzialmente stabile: il numero di anni di vita media attesa diminuisce lievemente per le donne, da 85 anni a 84,9, mentre si mantiene a 80,6 tra gli uomini. L'andamento meno regolare della speranza di vita è attribuibile alle variazioni nel numero dei decessi, tipiche di una popolazione che invecchia, a causa delle oscillazioni nella mortalità dei grandi anziani.

Stabili gli indicatori sulla qualità della sopravvivenza, con 58,7 anni attesi di vita in buona salute e 9,7 anni attesi di vita senza limitazioni nelle attività a 65 anni.

In diminuzione la mortalità per tumore tra gli adulti I dati più recenti sulla mortalità per causa sono riferiti al 2015, anno caratterizzato da un significativo aumento dei decessi, in contrasto con l’andamento decrescente della mortalità osservato negli anni precedenti. Non tutte le cause di morte monitorate dal Bes evidenziano questo aumento.

In particolare, per la mortalità per tumori maligni prosegue il miglioramento, con un tasso pari a 8,9 per 10.000 residenti fra i 20 e i 64 anni (era 9 l’anno precedente).

In aumento la mortalità infantile e per demenze e malattie del sistema nervoso

Sia la mortalità infantile sia quella per demenze e malattie del sistema nervoso hanno registrato un peggioramento: tra il 2014 e il 2015, il primo passa da 2,8 a 2,9 morti nel primo anno di vita per 1.000 nati vivi, in lieve aumento per la prima volta dal 2009.

Nel periodo che va dal 2004 al 2015, la mortalità per demenze e malattie del sistema nervoso tra gli ultrasessantacinquenni ha un andamento tendenzialmente crescente, con una breve interruzione nel 2013 e 2014, e un nuovo peggioramento nel 2015, anno in cui il tasso raggiunge il suo valore più elevato (32 decessi per 10.000 persone di 65 anni e più, rispetto al 27,9 nel 2014).

Una delle cause di questo andamento e attribuibile al progressivo incremento della quota di grandi anziani nella popolazione.

Le donne vivono più a lungo ma in peggiori condizioni di salute fisica e mentale

Nel 2017 il gap a favore delle donne per la speranza di vita registra il suo minimo: 4,3 anni in più di vita attesa alla nascita (erano 5 anni nel 2010).

L’andamento è determinato dal miglioramento più marcato dell’indicatore tra gli uomini.

Il vantaggio delle donne si inverte, però, quando si considerano anche le condizioni di salute: la maggiore longevità si affianca a un numero di anni vissuti dalle donne in condizioni di salute precarie più elevato.

Nel 2017 una donna di 65 anni può aspettarsi di vivere in media ancora 22,2 anni, ma di questi 12,8 saranno vissuti con limitazioni nelle attività; un suo coetaneo invece vivrà in media ancora 19 anni, di cui 9 con limitazioni. Le donne, come illustrato precedentemente, presentano peggiori condizioni di salute mentale, e le differenze sono marcate tra i più giovani e tra gli anziani.

Per quanto riguarda le cause di morte qui considerate gli uomini mantengono tassi più elevati per i tumori maligni nelle età centrali della vita, nonostante la diminuzione nel 2015 (9,9 per 10.000 uomini, contro 10,3 nell’anno precedente) e il lieve incremento osservato tra le donne (da 7,9 a 8 per 10.000).

Anche per gli incidenti stradali tra i giovani e per la mortalità dovuta a demenza e malattie del sistema nervoso tra gli anziani si riscontrano tassi più elevati tra gli uomini: oltre il triplo per la prima causa di morte (1 decesso ogni 10.000 uomini di 15-34 anni contro 0,3 per le donne); solo lievemente superiore considerando i decessi per demenza (32,4 per 10.000 tra gli uomini di 65 anni e più, contro 31,2 tra le donne).

Permangono forti differenze territoriali

Nel 2017, per la speranza di vita aumenta il divario tra Nord e Mezzogiorno con una distanza di 1,3 anni a favore del Nord, la più alta dal 2005.

Nel 2015 il lieve aumento della mortalità infantile è stato prevalentemente determinato dalle regioni del Centro dove il tasso ha raggiunto 2,9 per 1.000 nati vivi (era 2,4 l’anno precedente).

Nel Nord e nel Mezzogiorno del Paese, invece, il livello della mortalità infantile resta costante (rispettivamente 2,5 e 3,4 per 1.000 nati vivi), confermando l’evidente svantaggio del Mezzogiorno.

Considerando la cittadinanza dei genitori, si evidenzia una significativa differenza tra stranieri e italiani, accentuatasi nel 2015 quando il tasso di mortalità infantile per gli stranieri ha raggiunto il 4,5 per 1.000 nati vivi (era 3,8 l’anno precedente) mentre per gli italiani si mantiene stabile (2,6 per 1.000 nati vivi).

Il contributo all’incremento della mortalità infantile nel 2015 è pertanto attribuibile quasi esclusivamente ai bambini residenti nati da genitori stranieri.

Anche per quanto riguarda la mortalità per tumori il Mezzogiorno presenta un quadro più sfavorevole rispetto alle altre ripartizioni.

Il fenomeno è da attribuire all’evoluzione registrata per gli uomini mentre per le donne la distanza tra regioni meridionali e centrali si è ridotta.

Il valore più elevato di questo indicatore si riscontra per gli uomini in Sardegna, dove nel 2015 si ha una mortalità per tumori maligni pari a 12,3 per 10.000 abitanti; la Campania si conferma invece la regione con il livello di mortalità maggiore per le donne.

La mortalità degli anziani per demenze e malattie del sistema nervoso presenta una diversa geografia, con i livelli più elevati nelle regioni del Nord e quelli più bassi in alcune regioni meridionali, come la Calabria e la Campania.

Più attività fisica ma aumenta la popolazione obesa o sovrappeso

Nel 2017 continua a ridursi la sedentarietà: la percentuale di persone che non praticano alcuna attività fisica nel tempo libero passa dal 39,4% al 37,9% (persone di 14 anni e più).

La flessione è maggiore nel Mezzogiorno che, tuttavia, continua a presentare un’incidenza di sedentari significativamente superiore a quella del Nord (+22,2 punti percentuali).

Si mantengono stabili le differenze di genere, con stili di vita sedentari più diffusi tra le donne (+7 punti percentuali rispetto agli uomini).

La percentuale di adulti in eccesso di peso nel 2017 non evidenzia miglioramenti, mantenendosi al 44,8% della popolazione di 18 anni e più. Considerando la fascia maggiormente a rischio, cioè gli obesi, il fenomeno è in aumento tra gli uomini, per i quali si registra il massimo dal 2005 (11,5%).

La sedentarietà e l’eccesso di peso sono fattori di rischio che spesso si cumulano, con possibili ripercussioni sfavorevoli sulle condizioni di salute: nel 2017 un maggiorenne su 5 è sia in eccesso di peso sia sedentario, e la percentuale arriva quasi al 30% nel Mezzogiorno (contro il 15% nel Nord). Inoltre, è interessante confrontare la sovrapposizione dei due fattori di rischio per la salute a parità di quota di eccesso di peso: su 100 persone in eccesso di peso, nel Mezzogiorno quasi 60 sono anche sedentarie, mentre al Nord la quota scende al 35,4%.

Stabili gli altri comportamenti

In merito al una corretta alimentazione, si riduce lievemente la percentuale di persone che consumano porzioni giornaliere adeguate di frutta e verdura (19,2%).

Il livello comunque è in linea con quello della media degli ultimi anni (19%).

Il peggioramento e determinato dall’evoluzione osservata tra le donne (-1 punto percentuale rispetto al 22,9 del 2016), che sono comunque maggiori consumatrici di frutta e verdura rispetto agli uomini (+5,5 punti percentuali nel 2017).

Negli ultimi quattro anni rimangono stabili sia l’abitudine al fumo sia il consumo a rischio di alcol (rispettivamente 19,9% e 16,7% delle persone di 14 anni e più nel 2017).

Entrambi questi comportamenti sono più diffusi tra gli uomini, e interessano circa il 25% delle persone di 14 anni e più per entrambi gli indicatori, rispetto al 15,4% di fumatrici e al 9,3% di donne che hanno abitudini rischiose nel consumo di alcol.

Tra gli uomini meno diffusi i comportamenti salutari

L’analisi delle disuguaglianze negli stili di vita non può prescindere dall’analisi congiunta di alcune caratteristiche individuali e di contesto che hanno impatto sui comportamenti.

Fatta eccezione per la sedentarietà, a parità di altre caratteristiche, sono gli uomini ad assumere più spesso stili di vita dannosi per la salute.

Il rischio di un consumo dannoso di alcol è quasi 3 volte e mezzo più elevato che tra le donne, quello di essere fumatore o di essere in eccesso di peso è oltre 2 volte più alto rispetto alle donne.

Anche per quanto riguarda gli stili alimentari, a parità di altre condizioni, il rischio di non seguire un comportamento salutare nel consumo di frutta e verdura è del 50% più alto tra gli uomini.

Tra le donne, al contrario, la propensione alla sedentarietà è del 60% più alta rispetto agli uomini.

Anche le differenze territoriali emergono nitidamente: a parità di altre caratteristiche, la propensione alla sedentarietà è maggiore nel Mezzogiorno (quasi 3 volte più alta rispetto al Nord), così come per il consumo di quantità insufficienti di frutta e verdura o per l’eccesso di peso. Il Nord si caratterizza invece per una maggiore propensione a seguire comportamenti rischiosi nel consumo di alcol (rischio del 50% più alto rispetto al Mezzogiorno).

Più attenzione ai comportamenti salutari tra i più istruiti

Il possesso di un elevato titolo di studio rappresenta un fattore protettivo per la salute, e, in particolare, per la prevenzione primaria.

A parità di altre condizioni, avere un basso titolo di studio (non superiore al diploma di scuola media) comporta un rischio di essere sedentari tre volte e mezzo più alto rispetto alle persone laureate.

Anche per l’abitudine al fumo, l’eccesso di peso e comportamenti alimentari non corretti, il rischio tra le persone con bassi livelli di istruzione è quasi il doppio rispetto ai laureati.

Non emerge invece alcun legame del titolo di studio con il consumo a rischio di alcol.

rapporto ISTAT sul benessere equo e sostenibile