Retina 2018, l’appuntamento dedicato alla patologia retinica

328
Retina 2018
Il professor Bruno Lumbroso

Retina 2018, lo scorso marzo, ci ha regalato uno dei congressi nazionali di oftalmologia più stimolanti e validi dedicati a tutta la patologia retinica, che ha riservato anche uno spazio importante all’OCT e all’angiografia OCT.

L’evento è stato organizzato dal professor Bruno Lumbroso e dal dottor Marco Rispoli, da anni al suo fianco, fedele collaboratore nella presentazione e nell’esplicazione dei risultati ottenuti in anni di diligente ricerca e forte impegno nel campo dell’oftalmologia.

Retina 2018 è un evento che fa seguito ad altri e, quest’anno, ha celebrato la sua quarantunesima edizione annuale, in un crescendo di presentazioni interessanti e di partecipazioni internazionali.

Retina 2018, Roma popolata dagli oculisti italiani

Nelle giornate del 16 e 17 marzo, Roma ha visto riunirsi all’Hotel Ergife 450 oculisti italiani, interessati ad ampliare le proprie conoscenze in oculistica, i quali hanno dedicato un ascolto attento e rigoroso alle parole dei più illustri rappresentanti mondiali dell’oftalmologia, lieti di accogliere l’invito di Bruno Lumbroso, maestro riconosciuto in Italia e nel mondo.

Si è parlato di patologie vascolari e dell’evoluzione dell’OCT che ha trovato nell’angiografia OCT una maggiore apertura verso una visione delle lesioni più profonde, non visibili fino a pochi anni fa con i metodi classici, che permetterà di anticipare la diagnosi e precorrere l’intervento, permettendo di sottrarre numerosi pazienti a gravi complicanze.

Giovanni Staurenghi ha evidenziato tutta la sua competenza nel campo della diagnostica per immagini, Claudio Azzolini ha descritto alcuni aspetti delle degenerazioni maculari evolute, Cristina Parravano e Monica Varano hanno trattato di retinopatia diabetica e possibili terapie moderne, Quan Nguyen (Università di Stanford in California) ha illustrato le terapie più moderne nelle infiammazioni oculari e nelle uveiti e l’importanza di modificarle, secondo l’evoluzione.

Leonidas Zografos, specialista mondiale di oncologia oculare, ha illustrato il merito dell’angiografia OCT nella diagnosi e nella cura precoce della retinopatia da radiazioni. Giuseppe Querques ha approfondito alcuni aspetti dell’angiografia OCT nella terapia della DMLA. Alfredo Pece, grande specialista nel campo della miopia, ha descritto il trattamento dei neovasi miopici grazie all’angiografia OCT.

Tutto questo e molto altro hanno dato importanza a questa riunione, seguendo l’evoluzione della diagnostica e della terapia in oculistica.