FM 700 Laser Flare Meter

1864
FM 700 Laser Flare Meter

L’unico ed essenziale strumento per la gestione delle uveiti e delle infiammazioni oculari

Caratteristiche KOWA FM 700

  • Speciale lampada a fessura con integrato un laser a diodi che utilizza la tecnica dello “scatterig” per la misurazione quantitativa della concentrazione delle proteine nell’umor acqueo.
  • Test non contact e non invasivo.
  • Test clinici per le uveiti ed altre infiammazioni oculari.
  • Monitoraggio delle infiammazioni post-operatorie.

La Fotometria Laser Flare (LFP)

L’infiammazione intraoculare è caratterizzata dalla distruzione delle barriere sanguigne-oculari, permettendo l’influsso nell’occhio delle siero-proteine e delle cellule infiammatorie.
In camera anteriore questi elementi anomali possono essere facilmente osservati con l’uso della lampada a fessura. Il tipo di infiammazione può essere definito granulomatoso o non granulomatoso ed il grado dell’infiammazione stessa fa riferimento a due parametri: l’individuazione delle cellule in acqueo e l’effetto “Tyndall”. Questo è un fenomeno ottico causato dalla retrodiffusione della luce da materia opaca.
In camera anteriore questo fenomeno denota la presenza di proteine infiammatorie che provocano i bagliori (flare) individuabili con una buona lampada a fessura, ma non quantificabili.

FM700

Il metodo quantitativo per determinare la concentrazione delle proteine ed il numero delle cellule nell’acqueo in “vivo”, risale al 1988; è l’anno in cui nasce in Giappone una nuova tecnologia per questa diagnostica oculare: la Fotometria Laser Flare (LFP).
Un laser a diodi con lunghezza d’onda di 460 nm, attraverso una finestrella di allineamento, esegue scansioni in camera anteriore e ne ricava dati legati alla concentrazione delle proteine nell’acqueo.
Le misurazioni ottenibili con la LFP sono la quantificazione di piccole molecole come le proteine.
L’unità di misura della luce retrodiffusa di queste piccole molecole sono i fotoni per millisecondo.
Poiché la quantità della luce retrodiffusa è proporzionale alla concentrazione ed alla dimensione delle proteine nell’umor acqueo si potrà così determinare il livello dell’infiammazione e valutarne le variazioni nel tempo.

SPECIFICHE TECNICHE
MICROSCOPIO stereoscopio binoculare
INGRANDIMENTI 7x 10x 16x 26x 40x
RANGE DIOTTRICO OCULARI ±5D
DISTANZA INTERPUPILLARE da 55 mm a 72 mm
LARGHEZZA FESSURA da 0 a 11 mm in continuo
ALTEZZA FESSURA da 1 a 9 mm in continuo
DIAMETRO APERTURA Ø 0,5 mm, Ø 11 mm
RANGE DI MISURA da 1 a 500 Phot.Count./ms
ACCURATEZZA DELLE MISURE ±5%
SORGENTE DI LUCE
› per osservazione
› per flare meter
lampada alogena 12V-30W
laser diodo 640 nm - 35 μW
STAMPANTE termica con taglio automatico della carta
MONITOR LCD – 4,3” – Colore TFT
INTERFACCIA21 RS-232C
DIMENSIONI 600 mm x 460 mm x 560 mm
PESO 25 kg
ALIMENTAZIONE AC 100 ÷ 230 V / 50 ÷ 60 Hz
DETECTOR Tubo Fotomoltiplicatore (PMT)

INFO
SIDO_kowa