Supplementazione alimentare

1319
Supplementazione alimentare

La degenerazione maculare legata all’età (DMLE) è la prima causa di perdita irreversibile della visione nel mondo occidentale. Si stima che vi siano 3,35 e 1,75 milioni di persone affette da AMD in Europa e Stati Uniti rispettivamente. Se non verranno messe in atto misure preventive, ci si aspetta che nei prossimi 20 anni questi numeri aumenteranno del 50% circa. Le terapie farmacologiche per la DMLE essudativa hanno dimostrato una buona efficacia in termini di miglioramento dell’acuità visiva, ma hanno un utilizzo limitato, sono molto costose e possono risultare in complicanze altrettanto gravi. Per questo motivo è necessario identificare strategie di trattamento basate su comportamenti a basso costo.
Quasi 200 anni fa, dopo la scoperta della macula lutea da parte di Francesco Buzzi nel 1782, il “pigmento maculare” era identificato come una miscela di carotenoidi ossigenati o “xantofille”, luteina, zeaxantina e meso-zeaxantina. La luteina e la zeaxantina sono pigmenti gialli particolarmente abbondanti in frutta e verdura e la loro presenza nell’occhio deriva esclusivamente dalla dieta. La concentrazione dei pigmenti maculari nel centro della retina è più alta che in altri tessuti, ed è circa 3-4 volte maggiore rispetto al fegato o al sangue. La spettroscopia di sezioni trasversali di retina mostra che la maggior parte dei pigmenti maculari si trova a livello delle fibre di Henle (assoni dei fotorecettori) e dello strato plessiforme interno. In questo modo i pigmenti maculari costituiscono un filtro di assorbimento della luce blu che protegge i segmenti esterni dei fotorecettori. I pigmenti maculari sono presenti anche nei segmenti esterni dei bastoncelli e probabilmente anche nel segmento esterno dei coni.
La DMLE è una patologia che dipende dall’età, ma anche da fattori genetici come la storia familiare, la razza, il sesso e il colore dell’iride, e da fattori ambientali come il fumo di sigaretta, la dieta e l’esposizione alla luce solare. Si tratta dunque di una malattia multifattoriale che ha come via finale comune il danno foto-ossidativo e la formazione di drusen. Sebbene gli studi epidemiologici sul ruolo dei carotenoidi maculari nello sviluppo della DMLE non siano stati completamente esaurienti, si è fatta strada l’ipotesi a sostegno della protezione dal danno ossidativo.
Diversi studi epidemiologici (eye disease case-control study group, AREDS) hanno dimostrato che un maggior apporto di luteina e zeaxantina con la dieta riduce il rischio di sviluppare una forma avanzata di DMLE.
Nicox ha recentemente messo in commercio in Europa ZARED® chocolate, tavolette di cioccolato arricchite con vitamine, sali minerali, zinco e carotenoidi. ZARED® chocolate contiene luteina, zeaxantina, vitamina C, vitamina E, zinco e rame racchiusi in gustoso guscio di ciccolato fondente. ZARED® chocolate si propone come fonte alternativa di sostanze quali lo zinco, che risultano essere particolarmente utili per il mantenimento di una funzione visiva sana.

INFO
Nicox Farma
Via Ariosto, 21
20091 Bresso (MI)
Tel. 02.61036304
www.nicox.it