Entra in legge di Bilancio il “Bonus Vista” per l’acquisto di occhiali da vista e lenti a contatto per le fasce di reddito meno abbienti

268

Durante l’esame del Ddl Bilancio 2021, la Commissione Bilancio ha approvato l’emendamento istitutivo del Bonus Vista per l’acquisto di occhiali da vista e lenti a contatto per le fasce di reddito meno abbienti proposto da Commissione Difesa Vista Onlus. L’emendamento, a prima firma dell’on.

Paolo Russo (FI), prevede uno stanziamento di 5 milioni l’anno, dal 2021 al 2023, per l’erogazione di un voucher di 50 euro per l’acquisto di occhiali da vista o lenti a contatto a favore dei membri dei nuclei familiari in una condizione economica corrispondente ad un valore Isee non superiore a 10.000 €.

L’approvazione rappresenta un ottimo risultato e un importante primo segnale per il settore dell’occhialeria. La riformulazione dell’emendamento, infatti, ha trasformato il carattere emergenziale della proposta in strutturale, rendendo il bonus disponibile per un triennio, grazie alla costituzione di un fondo specifico denominato “fondo tutela vista”.

Il risultato ottenuto è frutto della costruzione di un dialogo strutturato e costante con i referenti parlamentari, grazie al quale sono state portate avanti le proposte per la ripresa economica del settore, tra cui il Bonus Vista.

Nella fase di implementazione la misura sarà disciplinata da un decreto attuativo del Ministero della Salute di concerto con il Ministro dell’Economia e delle Finanze e verranno definite le modalità e i termini per l’erogazione del beneficio.

Commissione Difesa Vista Onlus, di cui fanno parte tutte le associazioni rappresentative degli attori che operano nella filiera della visione, tra cui medici oculisti, ottici, e produttori di occhiali, lenti oftalmiche e lenti a contatto (ANFAO, ASSOGRUPPI OTTICA, ASSOTTICA, FEDEROTTICA e G.O.A.L.) esprime profonda soddisfazione per l’approvazione dell’emendamento istitutivo del “Bonus Vista”, in questo drammatico momento di emergenza sanitaria ed economica, in cui molti cittadini sono costretti a ridimensionare i consumi e a trascurare alcuni aspetti della salute.

“Sono molto felice che la Commissione Bilancio abbia accolto lo spirito con cui abbiamo lavorato a questa richiesta e capito la bontà dell’emendamento dell’on. Russo, che ringrazio personalmente per la tenacia e la determinazione con cui l’ha portato avanti – afferma Vittorio Tabacchi, presidente di Commissione Difesa Vista. Si tratta di un importante passo che riconosce l’importanza del benessere visivo e la tutela del bene vista, che in un momento difficile come questo rischia di essere trascurata soprattutto nelle fasce più deboli della popolazione. Allo stesso modo ringrazio gli altri parlamentari (trasversalmente di maggioranza e opposizione) che avevano accolto la nostra istanza e presentato analoghi emendamenti.”

Tutta la filiera rappresentata da CDV esprime soddisfazione per questo traguardo che garantisce da un lato i cittadini meno abbienti assicurando loro l’accesso a un contributo per l’acquisto di strumenti correttivi per la vista e, dall’altro, consente anche ai centri ottici del territorio, messi a dura prova dall’emergenza sanitaria, una maggiore vicinanza ai propri consumatori.

Fonte Commissione Difesa Vista Onlus